La verità è che vi mentivo

Avevo un blog, anche abbastanza seguito. Poi una pagina Facebook, abbastanza seguita anche quella. Poi ho aperto un canale YouTube, successo moderato. Avevo un account Twitter e un account Instagram, tutti sotto lo stesso nickname. Ora non c’è più nulla di tutto ciò, rimane solamente l’account Instagram perché è l’unico al quale posso cambiare nickname e soprattutto perché Instagram è un social creato  per guardare tanto e ciarlare poco.

In molti mi chiedono: perché? Ogni mezzo ha un suo motivo e sono qui apposta per spiegare tutto.

Quando ho aperto il blog, tre anni fa, l’ho fatto per seguire la moda del momento: c’erano molti blog di moda, di make up, di chiacchiericcio vario e mi sono unita anch’io al coro. Il blog negli anni ha preso diverse pieghe, parlavo di diversi argomenti sempre, ma ultimamente erano più i discorsi seri (o pipponi o sermoni come li chiamavano alcuni) ad occupare le pagine del blog; il mio pubblico era molto vario: da chi mi seguiva per le recensioni, a chi per i pipponi, a chi perché avevo un look alternativo, a chi (pochissimi) perché sono abbastanza carina, a chi invece perché era interessato al mio modo di vedere il mondo, un po’ troppo moderno forse. Spesso chi mi seguiva per il make up si annoiava quando parlavo di omosessualità, chi mi seguiva per le ricette era un po’ restio (e scocciato pure) a leggere le mie prediche su diete e sana alimentazione, chi mi seguiva per gli outfit si annoiava quando consigliavo di fare ginnastica. Il blog rifletteva il mio essere: eclettica (o incoerente, come alcuni ignoranti definiscono le persone che sanno di tutto un po’. L’eclettismo di per sé è correlato all’arte e alla scienza, ma a me piace trasporre il significato anche nella vita quotidiana) In un post in particolare mi auto definivo mediocre, non capendo invece che il mio essere mediamente capace in tutto (ma non specializzata in nulla) non è sintomo di mediocrità, ma di eclettismo: qualità sottovalutata e messa ai margini perché l’individuo eclettico non fa parte di nessuna categoria (se non “eclettico” stesso) e quando non fai parte di un gruppo, un po’ come nel periodo dell’adolescenza, vivi ai margini. Tutta la mia vita è così, non ho mai fatto parte di un gruppo, mi sono sempre sentita estranea in ogni luogo e in ogni compagnia e ho sofferto tanto per questo; mi sono obbligata ad essere quella che non ero solo per far piacere al gruppo del momento, sacrificando il mio vero essere. Anche con il blog, alla fine, è andata così: volevo piacere a tutti (e ci riuscivo eh!), ma sentivo di non poter dire tutto, mi sentivo incatenata, alcune parole obbligate con la forza a bloccarsi nelle dita prima di essere battute sulla tastiera e poi mandate indietro, lungo il braccio prima, nella mente poi e infine nel cuore. Che senso ha scrivere un articolo sull’omosessualità e non poter dire “a me piacciono le donne”? Perché quando parlavo di alimentazione non dicevo chiaramente che io sono talmente ossessionata dal prendere chili che mi peso ogni mattina e che se la bilancia segna un +qualcosa, la giornata è totalmente rovinata e ho la luna storta fino a sera? Mi sono resa conto che non serviva a nulla avere un blog se non potevo esercitare pienamente quella che è una delle pochissime cose (forse l’unica) che so fare davvero bene ossia scrivere per far arrivare dritto al cuore di chi legge il mio messaggio: le mie frasi erano troncate, io sapevo benissimo che alcune di quelle frasi avrebbero dovuto continuare ancora e ancora, che mancava la parte emozionale di tutto il discorso, il mio apporto, la mia rabbia, il mio vero io non mascherato dietro un nickname dal sapore volutamente asiatico.
Io non leggo gli oroscopi, ma ho ancora attivo nel mio numero italiano un abbonamento gratuito per l’oroscopo del giorno, attivato quando ancora ero una ragazzina dal pollice veloce sulla tastiera di un vecchio Panasonic; un giorno l’oroscopo in questione mi invitata a scrivere 5 cose delle mia vita per le quali essere grata e di tenere il foglietto sempre a portata di occhi per godere appieno delle gioie quotidiane. Una di queste gioie appuntate era proprio “la mia scrittura”, seguita da “il mio spirito critico” e da qui la riflessione: come potevo gioire di due qualità personali che io stessa mi limitavo nell’esercitare? urgeva quindi un cambiamento, la necessità di chiudere col passato e aprire una nuova pagina (nel vero senso della parola) di vita che mi desse la possibilità di esprimere totalmente il mio pensiero in assoluta libertà: ecco il perché dell’anonimato, ecco il perché di questo blog, ecco perché questo blog si chiama Odio i Blogs (non sopporto il plurale nei termini inglesi, ma la versione al singolare era già occupata su WordPress). Non odio tutti i blog, odio quelli inutili, che non hanno scopo, che sono lì solo per guadagnare follower. Ma ci sarà un articolo al veleno anche per la blogsfera, non preoccupatevi.

Avevo una pagina Facebook, anzi, prima una, poi l’ho chiusa e ho invitato “chi mi volesse seguire” nella nuova pagina, ma sotto sotto la verità era che io non volevo più far parte del mondo dei social network. Ne ho parlato poco sopra: come quando non sento di far parte di un gruppo anche quando sono all’interno del gruppo stesso, mi sono resa conto che io non ero fatta per stare sui social network. Troppo odio, troppa invidia, troppa falsità, troppo bigottismo, troppa ipocrisia, troppa noia e ancora troppa falsità (perché voglio calcare la mano sulla falsità). I social network sono una bella vetrina dove ogni persona è un ottimo visual merchandiser di se stesso; sono un abito firmato addosso ad un barbone sporco e puzzolente; sono una bella torta di compleanno dalla quale esce una coniglietta di 100 kg. E’ il mondo dell’apparenza, dove spopolano le discussioni inutili perché tanto dietro alla tastiera siamo tutti leoni; è tempo perso, tantissimo tempo perso che potrebbe essere utilizzato, come nel mio caso, per esercitare la scrittura e il mio spirito critico. Ecco perché non ci sono più i social nelle mie app sul cellulare e nella mia barra dei preferiti di Chrome: sono il male. Mi sento tanto uno di quei santoni moderni (o forse un prete?) quando dico che i social sono il male della società moderna, ma credetemi che quando ho visto una nonna che non vedeva il suo nipotino da 3 mesi, con gli occhi incollati su uno schermo da 15 pollici, il dito scorrere sul vetro e gli occhi sbarrati mentre il piccolo voleva giocare con lei, mi sono detta “si, questo è il male”. Guardatevi in giro porcamiseria: giovani a tavola durante un pizza, ragazzini al parco, madri sulle panchine; non si parlano più, la gente si parla solamente attraverso uno schermo ed una tastiera perché è più facile, aiuta la gente a comunicare attraverso una realtà mediata, filtrata, abbellita, semplificata; e la gente preferisce quella realtà piuttosto che la fredda, scura e insicura quotidianità perché è più facile e più veloce. Io non voglio farne parte e non voglio affatto contribuire alla rovina della gente per cui semplicemente boicotto i maggiori social e se proprio proprio ho voglia di eclissarmi dalla realtà quotidiana accedo a WordPress e faccio qualcosa di utile: scrivo. E se proprio proprio l’ispirazione manca allora leggo e mi informo, ma il mio tempo, così prezioso per me stessa, non lo butto a leggere bacheche altrui o a intasare di parole e immagini le bacheche di persone che potrebbero fare altro di più utile.

Certo, Facebook e compagnia bella fanno comodo (e voglio ripetere fanno comodo) perché è più facile mantenere i contatti con persone lontane. Troppo comodo: se tenete veramente ad una persona, se vi piace, se non volete perderla di vista ci sono davvero moltissimi altri modi per comunicare (gratuitamente); richiedono magari un po’ più di fatica, per chiedere un numero di telefono ad esempio bisogna rompere determinati schemi che, a causa dei social network, non vi ricordate più come superare. Personalmente alle persone conosciute in rete e che non volevo perdere di vista ho chiesto il numero per parlare su whatsapp, niente di più facile. Oppure c’è anche chi, per richiamare la mia attenzione visto che ero scomparsa dal web, ha scritto un post sul suo blog per trovare un modo di comunicare con me. I modi ci sono, i mezzi pure: usateli, perché i social ormai vi hanno annullato alcune capacità di problem solving.

Grazie e buona giornata.

Advertisements

5 thoughts on “La verità è che vi mentivo

  1. Io ho smesso di scrivere quotidianamente sul blog quando ho capito che avere mille visite al giorno di cui 800 divise tra due persone e altre 190 da persone che leggono per insultarmi e farsi i fatti miei, non ha senso.
    Avere migliaia di visualizzazioni che contribuivano solo a farmi trovare insopportabile non ne valeva la pena.
    I dieci interessati davvero al mio blog persistono ancora su Facebook.

    E Facebook io vorrei proprio bruciarlo perchè mostra la mediocrità e l’essere pecora dell’umanità.
    Come sai anche io vivo fuori il nostro stato di nascita, ma per colpa di Fb mi ritrovo a sapere ogni schifezza che succede in un posto di cui non ho oramai nessun interesse.
    Solo che Fb non penso lo abbandonerò perchè comunque mi permette anche di scoprire, talvolta, cose interessanti, link di siti interessanti, eventi e via discorrendo.

    Mi piacerebbe che nei prossimi post tu possa liberamente dire la tua su tutti gli argomenti che reputi interessanti compresi i sopracitati, che interessano anche a me, omosessualità e peso/ossessione per la linea.

  2. Io sono stata iscritta a Facebook da una mia (ex) amica. Giuro. Non avevo alcuna intenzione di infilarmi in questo mondo fatto di : “ah ecco con chi sta!” ; “mh.. guarda come è dimagrita”; “eh la crisi.. poi vanno alle Maldive”. Era una cosa che detestavo dal profondo. Eppure mi ci sono ritrovata dentro. All’inizio era come se non ci fossi, presi a male parole questa mia (ex) amica perchè non avrebbe dovuto farlo, anchwe perchè poi ho dovuto cambiare password e altre cose. Ora mi rendo pienamente conto di cosa sia in realtà FB… E questo mi fa soffrire, perchè io sono così, io sono insicura, io ho paura del giudizio altrui, io sono solitaria, isolata a causa delle mie idee poco “in”. Ho dei problemi, abbastanza seri, che mi hanno costretto a rallentare i miei ritmi e quindi a ritardare la laurea. Mi manca un esame. Le persone con le quali andavo all’Università si sono tutte laureate, e cos’hanno fatto appena dopo aver stretto la mano al docente? MA OVVIO!!! Pubblicare una foto su FB e taggare tutti gli amici. Lo ammetto, ho pianto. Ora che sto riprendendo in mano le redini della mia vita, mi sono resa conto che il web è popolato anche da altro genere di persone… La dama qui presente, odioinickname, ne è un esempio lampante. Ti ringrazio. Grazie per non essere fuggita e basta perchè, indipendentemente le questioni di makeup, moda e quant’altro, la tua presenza (vera, non da poltergeist 😛 ) è preziosa.

  3. Sono ancora un passo indietro. Non sono, non sono certa che arriverò mai allo stadio di odio puro per i social, sarà perchè ci sono cresciuta ed hanno formato la persona che sono oggi. Ad internet devo molto. Non riesco a capire se rinneghi quello “che ti ha dato”, se ti ha dato qualcosa, ma nella tua esperienza leggo qualcosa della mia. Anni in cui l’unico modo per sentirmi parte di qualcosa è stato giocare a giochi di ruolo online, chattare con i loro partecipanti, creare identità universalmente riconosciute come fake, eppure più reali di quello che ero diventata. Non vivevo più altrove, ma la mia mente viveva per me molto di quello che fuori non avrei potuto avere, per cui in qualche modo mi stava bene così. E’ quando ho cominciato a notare come questa rete di relazioni fosse fragile e soggetta alla falsità di cui tu stessa parli – non sempre dovuta alla falsità degli individui stessi, ma alle distorsioni che la parola scritta sa operare – che ho cominciato ad accumulare una sorta di preoccupazione. Ci sono voluti almeno sei mesi di lenta ed inconscia elaborazione, ma un giorno, d’improvviso, tutto quello che volevo era parlare e vedere le persone, non scrivere e inventare un’altra me. Volevo scoprire i miei limiti ed i limiti degli altri, non quelli della nostra proiezione su uno schermo.
    ..sono rinata, ma internet mi ha permesso di farlo regalandomi un luogo sicuro per tutto il tempo in cui ne ho avuto bisogno. Ora non tornerei mai indietro, ho quasi timore di ricaderci – sì, lo so, ne parlo come una droga ahah – eppure mi rendo conto che se non ci fossero stati internet, il gioco di ruolo, facebook e quant’altro, forse ora sarei ancora nell’incapacità di voler vivere davvero.

  4. Come it capisco.più mi guardo in giro, più la gente mi sembra lobotomizzata dagli smartphone, soprattutto in città. Forse io, quassù sui monti, mi salvo un po’ di più, perché è così bello ciò che ci circonda, da far passare la voglia di stare incollati agli smartphone. Ma poi diciamocelo: perché uscire a cena se poi la si passa in silenzio con lo schermo attaccato al naso? A volte lascio l’IPhone a casa, per godere al meglio della compagnia delle persone intorno a me.
    Per quanto riguarda la scelta del blog hai fatto bene così. Bene per te. E chi ti ama, ti seguirá. Alla fine si tiene un blog più per se stessi, che per gli altri, e chi va solo a caccia di follower è solo uno che non ha capito niente (o ha capito qualcosa!? Chissà!). PS- Ecco perché su Facebook non ti trovavo! Ma..ti è arrivato il messaggio privato su Instagram? Ti chiedevo consigli su qualche sito di ricette sane…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s